Film Torrent HD in Download

1988 I Ragazzi di via Panisperna

  • Informazioni
  • Trailer Youtube
I Ragazzi di via Panisperna (1988)

Voto IMDB 7.1/10 - 68 voti

Titolo Originale I ragazzi di via Panisperna

Durata 180 min

Anno

Uscita 3 Feb 1989

Paese Italy, West Germany

Lingua Italian

Qualità

Direttore

Premi 3 wins.

Genere Drammatico,Film

N/A Trama di I Ragazzi di via Panisperna (1988)

Nel 1930 opera a Roma, nell’istituto di Fisica di Via Panisperna, un gruppo di giovani di grande impegno e talento – Ettore Majorana, Bruno Pontecorvo, Edoardo Amaldi, Emilio Segré – sotto la guida di Enrico Fermi, professore govanissimo anche lui e già Accademico d’Italia. Senza disdegnare di tanto in tanto qualche scherzo goliardico, costoro riescono a portare a termine il primo esperimento nucleare. E’ un evento straordinario, la sfida tra due diverse concezioni della fisica, quella ufficiale e quella che ora si esprime in termini di energia non già elettrica, ma nucleare. Tra gli altri emergono, in un costante rapporto di reciproca ammirazione e diffidenza, di slanci e rancori, Enrico ed Ettore, un rapporto che si rivela e rinnova di continuo anche nella differenziazione dei metodi scientifici, essendo Enrico lo scienziato sperimentatore ed Ettore quello per così dire “puro”, sempre teso ed assillato dallo stimolo di un intuito misterioso e geniale. Diversi anche come personalità e carattere – pragmatico e più disinvolto il professore, introverso l’altro ma più conscio delle conseguenze (anche terribili) che la nuova scoperta impone sul piano morale ed umano alla responsabilità degli scienziati – l’incontro-scontro fra i due è inevitabile. Prima dello scoppio della seconda guerra mondiale, il Premio Nobel Enrico Fermi riesce a riparare con la moglie Laura (che è di religione israelita) negli Stati Uniti. Mentre il gruppo di autentiche intelligenze di Via Panisperna si disgrega (anche Pontecorvo emigra), Ettore continua nei suoi studi insegnando a Napoli, indi abbandona tutto, forse stanco e smarrito, per ritirarsi fra le zàgare e la calura della sua ricca proprietà siciliana. Poi misteriosamente scompare. FONTE