Film Torrent HD in Download

1984 Amadeus – Director’s Cut

  • Informazioni
  • Trailer Youtube
Amadeus – Director’s Cut (1984)

Voto IMDB 8.4/10 - 235304 voti

Titolo Originale Amadeus

Durata 160 min

Anno

Uscita 5 Apr 1985

Paese USA, France

Lingua English, Italian, Latin, German

Qualità

Direttore

Premi Won 8 Oscars. Another 34 wins & 13 nominations.

Genere Drammatico,Film

R Trama di Amadeus – Director’s Cut (1984)

TRAMA CORTANella Vienna di Giuseppe II, figlio di Maria Teresa d’Austria, arriva Wolfgang Amadeus Mozart. Lo presenta Salieri, musicista di corte, rispettato e apprezzato ovunque. In breve tempo Mozart, con il suo immenso talento suscita grandi entusiasmi, ma anche inimicizie e gelosie. Salieri, che conosce i limiti della propria professionalità musicale, comincia così a nutrire verso di lui un autentico odio. Ne ammira l’arte ma deplora il suo comportamento insolente e il suo linguaggio sboccato. Ma Mozart sembra trionfare anche nell’animo del Sovrano, mentre Salieri, roso dall’invidia, giura a se stesso che non avrà pace finché non vedrà il rivale morto. Nonostante i grandi successi, Mozart alla fine della sua breve vita si trova povero e abbandonato dalla moglie Costanza. Accetta di comporre un Requiem che detterà allo stesso Salieri perché troppo malato. Tutto questo viene raccontato dallo stesso Salieri chiuso in un cronicario, ormai vecchio e senza pace.TRAMA LUNGANella Vienna di Giuseppe II, l’ “illuminato sovrano”, figlio di Maria Teresa d’Austria, arriva Wolfgang Amadeus Mozart. Lo presenta Salieri (di poco maggiore del giovanissimo salisburghese), musicista di corte, rispettato ed apprezzato ovunque. Mozart fa presto a farsi ammirare per il suo immenso talento dalla gaia società viennese; abituato a correre l’Europa, ad incontrare successi clamorosi per ogni dove, come autore e come interprete, suscita grandi entusiasmi, ma anche inimicizie e gelosie. Salieri, che conosce i limiti della propria professionalità musicale, comincia così a nutrire verso il suo competitore un autentico odio: ne ammira affascinato la musica stupenda, ma ce l’ha con lui per una vita considerata “oscena”, per certi suoi comportamenti e frasari assai liberi. E ce l’ha, soprattutto, con l’eterno Padre, il quale permette che un terreno siffatto produca una impareggiabile fioritura, mentre a lui, Salieri, non è, né forse sarà mai, consentito che di restare null’altro che un mediocre. Mozart, intanto, continua a creare e a dare concerti. I teatri viennesi ospitano, volta a volta, capolavori come il “Ratto dal Serraglio”, “Don Giovanni” e il “Flauto magico”; opere tutte di straordinaria novità e bellezza. Salieri, altri accademici e miopi funzionari di Stato, fanno il possibile per contrastare o limitare il successo del nuovo astro. Ma Mozart sembra trionfare anche nell’animo del Sovrano. Mentre Amadeus, che ha sposato Costanza, continua sulla strada intrapresa, Salieri, roso dall’invidia giura a se stesso che non avrà pace finché non lo vedrà morto, disteso su di un catafalco e avvolto dalle volute della sua mirabile musica. Mozart, al termine di una vita breve e movimentata, è ormai povero ed ammalato; abbandonato da Costanza, accetta, per necessità impellenti di denaro, di comporre un “Requiem”, che un misterioso committente gli paga parzialmente in anticipo, purché faccia presto. Amadeus, che ha visto nello sconosciuto un triste ambasciatore di morte, si pone con gran fatica al lavoro, ma del “Requiem ” non potrà comporre che due sole parti, dettandone la materiale scrittura, durante l’agonia, allo stesso Salieri, accorso al suo capezzale, che in quelle pagine sublimi avverte, una volta di più, tutta l’altezza del genio e, al tempo stesso, un chiaro segno del destino. Mozart muore; Costanza tardivamente torna da lui: solo qualche persona seguirà lo squallido funerale, né mai a nessuno sarà dato di poter identificare le ossa del genio di Salisburgo. La vicenda è raccontata da Salieri, che si immagina ospitato in un cronicario, ormai vecchio e pressocché dimenticato – lui e la sua musica – da tutti, un Salieri che, nei suoi vaneggiamenti senili, a volte si accusa di aver ucciso quell’ Amadeus, uomo riprovevole per la sua vita, ma straordinario e incomparabile musicista. FONTE